Mit dir, Lili Marleen!

StatuaIl suo autore fu Norbert Schulze che la musicò per Lale Andersen e venne poi ripresa da Marlene Dietrich nel 1938, rendendola celebre in tutto il mondo. Stiamo parlando di Lili Marleen, la più famosa canzone militare della Seconda Guerra Mondiale. Le sue origini si perdono nel lontano 1915, quando lo scrittore tedesco Hans Liep, in procinto di partire per il fronte russo, compose una serie di poesie, poi raccolte nel volumetto Die Harfenorgel: in esso, era contenuta anche la poesia La canzone di una giovane sentinella, che ispirò vent’anni dopo Schulze a ricavarne la sua canzone.

Lili-MarleenLa fortuna di Lili Marleen iniziò nel 1941, quando Radio Belgrado, messa in piedi per trasmettere i dispacci alle truppe tedesche impegnate in Africa, cominciò a diffonderla in tutta Europa. Per un breve periodo, Lili Marleen venne osteggiata e vietata dal Ministro della Propaganda nazista Joseph Goebbels, che la riteneva malinconica e disfattista (e che mal si conciliava con lo spirito guerriero delle truppe del Reich mostrato dalla sua propaganda bellica) ma le proteste dei soldati (e pare dello stesso Feldmaresciallo Erwin Rommel, la Volpe del Deserto) costrinsero le autorità tedesche a trasmetterla ogni sera, a chiusura dei programmi.

19450907_Lili_Marlene-Marlene_DietrichLili Marleen divenne così la canzone di tutti i soldati al fronte, della fidanzata e della moglie che aspettavano il ritorno dei propri uomini dai campi di battaglia. Un po’ come la tregua di Natale del 1914 sul fronte occidentale, grazie a Lili Marleen, i soldati si riscoprirono uomini e non bestie, accomunati dalla triste fine in battaglia che poteva coglierli da un momento all’altro. La canzone, da quel lontano 1941, è stata tradotta in 48 lingue: tra queste il francese, il russo, l’inglese, l’italiano e l’ebraico. La versione croata sembra essere stata una delle canzoni preferite dal Maresciallo Tito. Il 14 ottobre 2002, il suo autore, Norbert Schultz, se ne è andato, ma non il suo spirito reso celebre ed immortale dalla bella e nostalgica Lili Marleen.

Lili Marleen

(versione originale in tedesco – 1938)

Vor der Kaserne,
Vor dem großen Tor,
Stand eine Laterne,
Und steht sie noch davor,
So woll’n wir uns da wieder seh’n,
Bei der Laterne wollen wir steh’n,
Wie einst, Lili Marleen.

Unsere beiden Schatten,
Sah’n wie einer aus,
Daß wir so lieb uns hatten,
Das sah man gleich daraus.
Und alle Leute soll’n es seh’n,
Wenn wir bei der Laterne steh’n,
Wie einst, Lili Marleen.

Schon rief der Posten:
Sie blasen Zapfenstreich,
Es kann drei Tage kosten!
Kamerad, ich komm’ ja gleich.
Da sagten wir Aufwiederseh’n.
Wie gerne wollt’ ich mit dir geh’n,
Mit dir, Lili Marleen!

Deine Schritte kennt sie,
Deinen schönen Gang.
Alle Abend brennt sie,
Doch mich vergaß sie lang.
Und sollte mir ein Leid gescheh’n,
Wer wird bei der Laterne steh’n,
Mit dir, Lili Marleen!

Aus dem stillen Raume,
Aus der Erde Grund,
Hebt mich wie im Traume
Dein verliebter Mund.
Wenn sich die späten Nebel dreh’n,
Werd’ ich bei der Laterne steh’n
Wie einst, Lili Marleen!

Annunci

3 thoughts on “Mit dir, Lili Marleen!

  1. Questa la traduzione in italiano, sennò in tedesco non si capisce 🙂

    Tutte le sere
    sotto quel fanal
    presso la caserma
    ti stavo ad aspettar.
    Anche stasera aspetterò,
    e tutto il mondo scorderò.
    Con te Lili Marleen,
    Con te Lili Marleen.
    Dammi una rosa
    da tener sul cuor
    legala col filo
    dei tuoi capelli d’or.
    Forse domani piangerai,
    ma dopo tu sorriderai.
    A chi Lili Marleen?
    A chi Lili Marleen?
    O trombettiere
    stasera non suonar,
    una volta ancora
    la voglio salutar.
    Addio piccina, dolce amor,
    ti porterò per sempre in cor.
    Con me Lili Marleen,
    Con me Lili Marleen.
    Quando nel fango
    debbo camminar
    sotto il mio bottino
    mi sento vacillar.
    Che cosa mai sarà di me?
    Ma poi sorrido e penso a te.
    A te Lili Marleen,
    A te Lili Marleen.
    Se chiudo gli occhi
    il viso tuo m’appar
    come quella sera
    nel cerchio del fanal.
    Tutte le notti sogno allor
    di ritornar, di riposar.
    Con te Lili Marleen,
    Con te Lili Marleen.
    Tutte le notti sogno allor
    di ritornar, di riposar,
    Con te Lili Marleen,
    Con te Lili Marleen

  2. Pingback: Barry Sadler, il Berretto Verde con la chitarra | Segreti della storia

  3. Pingback: Due ballate per Willie McBride e i caduti di Vladslo | Segreti della storia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...