L’epopea degli Italiani a Stalingrado

Friedrich von PaulusLa battaglia di Stalingrado, combattutasi in terra di Russia dal luglio 1942 al febbraio 1943 tra le truppe tedesche del Generale Friedich von Paulus e quelle sovietiche di Vasilij Cujkov, segnò il punto di svolta del secondo conflitto mondiale, infliggendo alle forze dell’Asse una sconfitta dalla quale iniziò la lenta marcia all’indietro nella steppa russa. Era il 2 febbraio 1943, quando un piccolo ricognitore tedesco sorvolò per l’ultima volta le rovine della città sul Volga, dove per sette mesi ininterrotti si combatté strada per strada, casa per casa, comunicando al comando della Wermacht che non si registravano più azioni di combattimento. Le perdite furono ingenti per entrambi gli schieramenti, con quasi due milioni di perdite, tra morti, feriti, dispersi e prigionieri. Nel lungo computo dei nomi dei morti e dei dispersi dell’Asse finirono anche settantasette Italiani, la cui storia ed epopea è rimasta sconosciuta fino ai nostri giorni e riportata di recente alla luce dallo storico e giornalista Alfio Caruso nel suo Noi moriamo a Stalingrado: dopo una lunga e attenta ricerca, l’autore è riuscito a ricostruire la storia di questi nostri connazionali, appartenenti quasi tutti a due Autoreparti, il 127° ed il 248°, che avevano avuto l’ordine di portare nella città assediata un gruppo di guastatori tedeschi e rifornimenti alla Sesta Armata di Paulus, ma che invece furono bloccati e accerchiati assieme ai Tedeschi a seguito della controffensiva sovietica. Dopo la resa tedesca, subentrò la prigionia nei gulag in Siberia e, chi non morì durante i sette mesi dell’assedio, patì la fame e il freddo nei campi di concentramento: a guerra finita, solo due di loro rivedranno l’Italia.

Noi moriamo a StalingradoComandante del 127° Autoreparto era il Sottotenente Walter Poli che, ricevuto ordine di partire per Stalingrado con un trasporto speciale di duecento autocarri per rifornire le truppe della Wermacht, scelse venticinque autisti per quella che doveva essere una normale missione in territorio russo: Attilio Bacchin, Carlo Belloni, Guido Bianchi, Luigi Bonaffini, Emilio Brunetti, Renzo Caleffi, Fiorenzo Camilla, Toscano Caverni, Filiberto Colzi, Orlando De Candia, Mariano Ferracuti, Pietro Innocenti, Carlo Lorenzani, Mario Messeri, Dante Misciattelli, Filiberto Moretti, Orlando Nannipieri, Mario Notte, Emanuele Patrone, Mario Rossi, Camillo Ruzzante, Robespierro Timi, Bruno Turetta, Mario Vagnini, Luigi Zuccato.

Battaglia di StalingradoStesso ordine ricevette il 248° Autoreparto, comandato dal Sottotenente Guido Giusberti. Anche questo, un altro triste appello: Giulio Apolloni, Guido Bellinato, Giovanni Bersanelli, Giuseppe Bolis, Gastone Bondoli, Natale Bonesi, Ercolino Buffetti, Gualtiero Butturini, Bruno Calderigi, Otello Cappelli, Dante Chiavaroli, Angelo Chiti, Enea Croci, Adelmo Della Maggiora, Luigi Fanelli, Pierino Ferrari, Cesarino Ferrarini, Vincenzo Furini, Arturo Giacobbe, Walter Giovannelli De Noris, Igino Grasselli, Giuseppe Iemmi, Giuseppe Lamieri, Agostino Lento, Ernesto Lionello, Marcello Lisi, Giuseppe Mangano, Ettore Mariani, Gino Monti Quagliani, Domenico Mortali, Renato Parenti, Luciano Passerini, Enrico Perucconi, Vittorio Pinchini, Virgilio Prenna, Mariano Puschiavo, Adelino Rapagnani, Fausto Rinascente, Giovanni Rizzetti, Aurelio Sassoli, Francesco Savini, Benedetto Sommovigo, Aris Spallanzani, Gino Tafì, Attilio Talevi, Remo Vannoni. Più due croci bianche, nomi anonimi nell’immensità della steppa. Infine, assieme agli uomini del 127° e del 248° Autoreparto del Regio Esercito, finirono all’interno della sacca di Stalingrado altri due militari italiani, in forza all’ospedale da campo 251: il giovane dottore Livio Catteneo ed il suo assistente sanitario, l’infermiere Ugo Machetto.

Al lettore questo breve articolo potrà essere sembrato un elenco di nomi e cognomi, di settantasette caduti italiani in terra di Russia per i quali, come ricorda Alfio Caruso, “volò in aria la moneta che da una parte aveva scritto vita e dall’altra morte”: dopo settant’anni dalla fine della battaglia di Stalingrado, quei nomi sono affidati alla memoria dei vivi, perché non vadano ancora una volta dimenticati.

Annunci

One thought on “L’epopea degli Italiani a Stalingrado

  1. Grazie no sapevo di questo evento, così come nessuno sa del Gruppo Terracciano, aviazione della R.S.I., che combattè nel nord dell’U.R.S.S.. a fiano dei tedeschi a bordo degli S.M. 82

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...