I bimbi d’Italia si chiaman Balilla…

Balilla_monumento_in_GenovaL’Opera Nazionale Balilla, ovvero l’istituzione più celebre di tutto il Partito Fascista e del suo mondo giovanile: i nostri nonni ne facevano parte, fino ai dieci anni, per poi diventare avanguardisti. Il suo nome completo era Opera Nazionale Balilla per l’assistenza e per l’educazione fisica e morale della gioventù e venne istituita nel 1926, per poi confluire nel 1937 (assieme ai Fasci Giovanili di Combattimento) nella Gioventù Italiana del Littorio. Il termine Balilla divenne un sinonimo di italianità in tutto il mondo tanto che la FIAT, a partire dal 1933, denominò un proprio modello di automobile, caratterizzando al tempo stesso la prima motorizzazione di massa dell’Italia. Ma se oggi il termine rimanda alla mussoliniana memoria del Ventennio fascista, pochi sanno la vera origine del nome: cos’è, o meglio chi è, il Balilla?

Fiat 508 BalillaPer risalire al primo uso istituzionale della parola, dobbiamo leggere per intero l’Inno di Mameli, la canzone di tutti gli Italiani: esso, infatti, non è composto dalla sola strofa cui siamo abituati a cantare ogni qualvolta la nostra nazionale di calcio scende in campo; in tutto, sono cinque le strofe scritte e musicate e in una di essa compare il fatidico verso: I bimbi d’Italia si chiaman Balilla. Goffredo Mameli scrisse il suo inno nell’autunno 1847, in un clima che preludeva alle Cinque Giornate di Milano e all’inizio dell’epoca risorgimentale e delle guerre d’indipendenza contro la monarchia asburgica. Ma il testo non dice altro. La vicenda di Balilla, però, risale ad altri cento anni prima, al 1746, nella città di Genova.

Opera Nazionale BalillaGiovanni Battista Perasso, detto appunto Balilla (ovvero il diminutivo di “balla”, termine genovese usato ancora oggi come appellativo per i bambini attorno ai 15 anni) il 5 dicembre 1746, nel quartiere Portoria a Genova, diede inizio alla sollevazione popolare della città contro gli occupanti dell’Impero Mito del BalillaAsburgico: la tradizione vuole, infatti, che il giovane ragazzo abbia incitato la popolazione a ribellarsi, scagliando contro un gruppo di soldati imperiali un sasso, dopo che questi, con metodi rudi e violenti, stavano obbligando alcuni passanti a estrarre fuori dal fango un pezzo d’artiglieria che era rimasto impantanato durante un trasporto. Iniziò una fitta sassaiola, durante la quale gli Austriaci furono costretti a fuggire e ad abbandonare il loro mortaio. Nacque così il mito del Balilla, un mito che, come ricordava lo storico genovese Federico Donaver nella sua Storia di Genova edita nel 1890, il monumento di Portoria anziché un eroe individuo rappresenta l’ardire generoso d’un popolo che, giunto al colmo dell’oppressione, spezza le sue catene e si rivendica la libertà”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...