I Polacchi in Italia

Cimitero polacco di Loreto (7)Durante le fasi cruciali del secondo conflitto mondiale, un contributo notevole di uomini e mezzi per la campagna d’Italia fu offerto dal corpo di spedizione polacco, comandato dal valoroso Generale Wladislaw Anders. Riuniti nel 2° Corpo d’Armata, i militari di Varsavia combatterono e affrontarono le agguerrite divisioni tedesche sui fronti più caldi e cruenti, partecipando attivamente anche alla liberazione di diverse città italiane, come Ancona Cimitero polacco di Montecassino e Bologna. Giunto in Italia nel 1944 e posto alle dipendenze dell’Ottava Armata britannica, l’apporto maggiore fu quello offerto per lo sfondamento della Linea Gustav, riuscendo a sopraffare i soldati germanici sul fronte di Cassino, dopo che il fronte si era bloccato e l’avanzata alleata si trovava in una fase di stallo. Durante la quarta battaglia di Montecassino del maggio 1944, combattuta sui resti di quella che fu la splendida Abbazia benedettina (rasa al suolo dai bombardieri alleati il 15 febbraio 1944), il 2° Corpo polacco di Anders riuscì il 18 maggio, dopo altissime perdite in uomini, e oltre cinque mesi di strenui ed accaniti combattimenti, a raggiungere la cima più alta del colle di Montecassino, innalzandovi la bandiera polacca; pochi giorni dopo venne raggiunta la cittadina di Cassino, permettendo così di dirigere verso Roma poche settimane dopo (4 giugno 1944). Il Corpo, riorganizzatosi dopo le pesanti perdite subite, lungo il litorale adriatico partecipò alle operazioni contro la Linea Gotica, distinguendosi per valore ed ardimento nella battaglia di Ancona, del giugno-luglio 1944, a fianco dei militari italiani del Generale Umberto Utili. Infine, l’ultimo tributo di sangue venne offerto per la liberazione di Bologna, nel marzo 1945. Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, il Governo Polacco ha provveduto a sistemare e raccogliere in quattro grandi cimiteri militari i corpi di 3955 soldati caduti nei vari combattimenti lungo la penisola italiana.

Cimitero polacco di BariCompiendo un’ideale percorso della memoria, il primo che incontriamo è quello di Casamassima, piccolo abitato situato poco fuori la città di Bari: in questo piccolo cimitero, sono custodite le salme di 431 Polacchi, tumulate in tombe singole sulle quali sono riportate le generalità del militare caduto: al centro, si eleva un monumentale altare dedicato ai Caduti. Continuando a risalire l’Italia, troviamo il più importante e significativo dei cimiteri polacchi in Italia: quello di Montecassino, situato immediatamente a monte dell’Abbazia. In esso, riposano 1051 Polacchi, al cui centro è stata posta, nel 1970, la tomba del Generale Anders, che volle essere sepolto assieme ai suoi uomini. Un’epigrafe, posta a quota 975, recita: “Per la nostra e la vostra libertà, noi soldati polacchi demmo l’anima a Dio, i corpi alla terra d’Italia, alla Polonia i cuori”. Troviamo Cimitero polacco di Bolognapoi il cimitero di Loreto, in cui trovano degna sepoltura i militari caduti nei combattimenti per la liberazione di Ancona, importante porto sul mar Adriatico. Sono custodite 1100 salme, poste in tumuli singoli con una croce in travertino bianco con il nome del militare ivi sepolto. Infine, l’ultima distesa di croci bianche si trova a San Lazzaro di Savena, alle porte di Bologna, e custodisce le salme di 1441 militari di Varsavia caduti nelle ultime fasi della guerra in Italia: una semplice ma austera cripta riporta, su grandi lapidi, il sacrificio dei valorosi combattenti polacchi in Italia, sui cui sono incise le fasi salienti della loro risalita lungo la penisola italiana.

Tutte le fotografie presenti nell’articolo sono state effettuate e sono di proprietà dell’autore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...