Quanti Tricolori ammainati per sempre…

Ex deposito carburanti di Coverciano (7)Durante gli anni in cui era in vigore la leva obbligatoria, migliaia erano i giovani appena diciottenni che partivano per un anno di militare obbligatorio nelle Forze Armate, in quelle di Polizia e negli organi ausiliari dello Stato.  Oggi, da quando la leva obbligatoria è stata sospesa a partire dal 1 gennaio 2005 (ma mai formalmente abolita), a seguito dell’entrata in vigore della Legge 23 agosto 2004, n. 226, decine e decine sono state le caserme dismesse e poi abbandonate su tutto il territorio nazionale, lasciate all’incuria del tempo, ai vandali e alla vegetazione che ricopre tutto. Le regioni italiane con il maggior numero di immobili appartenenti al Ministero della Difesa risultano essere la Lombardia, il Piemonte, il Veneto, l’Emilia Romagna, la Ligura, la Toscana, il Lazio, la Campania e la Puglia, che da sole contano ben 174 edifici dismessi, su un totale di 201, inseriti nell’Agenda del Demanio con il Decreto 28 febbraio 2007. Da tanti anni sentiamo parlare di proposte di riqualificazione delle suddette aree, da cedere ai Comuni sui quali le strutture militari sono state edificate, oppure di bandi e gare affinché siano imprese private a ristrutturarle e a riqualificarle con nuove destinazioni d’uso, come alloggi ad edilizia popolare, centri commerciali ed altro. Ma intanto il tempo passa, i fabbricati risentono l’usura del tempo e piano piano cominciano letteralmente a cadere a pezzi per la mancanza della manutenzione ordinaria.

Caserma MOVM Franco Quarleri di Sesto Fiorentino (6)Ci siamo pertanto recati a fare visita a due di questi edifici situati nella provincia di Firenze, uno situato nel quartiere residenziale di Coverciano, in aperta campagna, appena fuori la città, e l’altro posto all’interno del nuovo Polo Scientifico del Comune di Sesto Fiorentino: il primo era uno dei più grandi depositi di carburante in uso all’Esercito Italiano e che copriva tutta l’area tosco-romagnola, mentre il secondo una grande caserma logistica, intitolata al Sottotenente Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria Franco Quarleri, sempre dell’Esercito. Entrare dentro una vecchia caserma, anche se abbandonata da diversi anni, fa sempre un certo effetto: impossibile, infatti, non pensare a quante migliaia di giovani sono transitati dal corpo di guardia ormai ridotto a uno stato pietoso, con i portoni arrugginiti e staccati dal muro. Ma stringe il cuore vedere i cortili interni: la vegetazione è cresciuta ovunque, le altane (ovvero le torrette di guardia) in cemento piano piano cominciano a sgretolarsi, facendo apparire le loro anime in acciaio, i pennoni delle bandiere arrugginiti e pericolanti. Pensare che proprio ai loro piedi, tutte le mattine e tutte le sere al tramonto, risuonavano le note dell’Inno Nazionale durante l’alza e l’ammaina bandiera. Oggi, l’unico rumore che proviene dall’interno è il lento gocciolio di grondaie bucate, di tetti sfondati e pericolanti, di capannoni e edifici utilizzati dai senzatetto e da tossicodipendenti e spacciatori, vista la presenza un po’ ovunque di siringhe usate. Ma le vecchie caserme sono anche diventate una discarica abusiva a cielo aperto, con frigoriferi, servizi igienici, vecchie taniche di benzina, cavi e tubi e lamierati un po’ sospetti (si tratta forse del pericoloso eternitt?) sparsi e abbandonati un po’ ovunque. Uscendo notiamo che ancora sono affissi intorno al muro di cinta e al filo spinato i cartelli gialli che segnalavano la caserma e il servizio di vigilanza armata: l’incuria, o forse qualche vandalo, ha fatto cadere anche le targhe che fino a pochi mesi fa erano ancora presenti ai lati degli enormi cancelli d’ingresso. Anche quello con il nome della Medaglia d’Oro Franco Quarleri non c’è più: un altro giovane italiano caduto nel limbo della storia e della memoria, come quei Tricolori ammainati per sempre nelle piazze d’armi delle nostre vecchie caserme.

Ex deposito carburanti di Coverciano (9)

Ex deposito carburanti di Coverciano (3)

Caserma MOVM Franco Quarleri di Sesto Fiorentino (5)

Caserma MOVM Franco Quarleri di Sesto Fiorentino (2)

Ex deposito carburanti di Coverciano (6)

Tutte le fotografie presenti nell’articolo sono state effettuate e sono di proprietà dell’autore.

Annunci

2 thoughts on “Quanti Tricolori ammainati per sempre…

  1. Pingback: Alla scoperta della Polveriera di Signa | Segreti della storia

  2. Pingback: La Batteria Saint Bon | Segreti della storia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...