Una mostra a Firenze sulla Guardia di Finanza in Toscana

Locandina mostraE’ stata inaugurata il 17 febbraio 2014 a Firenze la mostra dedicata al Corpo della Guardia di Finanza in Toscana, dai tempi di Leopoldo II fino ai giorni nostri e vi resterà fino al 28 febbraio a Palazzo Panciatichi, sede del Consiglio Regionale. Una splendida collezione di uniformi dei Finanzieri, fotografie, modellini del servizio navale e del servizio aereo accompagnano il visitatore alla scoperta delle Fiamme Gialle, da sempre in prima linea per la salvaguardia dell’Italia e dei suoi cittadini. Dal primo colpo di fucile sparato nella notte tra il 23 e il 24 maggio 1915 sullo Judrio contro una pattuglia austriaca, passando per la resistenza sul fiume Piave e poi sui fronti del secondo conflitto mondiale, i cimeli esposti si focalizzano in particolar modo sul contributo dei militari del Corpo alla Mostra GdFguerra di liberazione nell’Italia Centro-Settentrionale: a Firenze, su disposizioni del Comitato di Liberazione Nazionale, ai Finanzieri venne affidato il compito di proteggere i magazzini dell’Annona dai saccheggi messi in atto dalle truppe tedesche in ritirata, con le quali furono ingaggiati numerosi scontri a fuoco. Particolare attenzione poi a quei Finanzieri toscani decorati con la Medaglia d’Oro al Valor Militare: il Sottotenente Giovanni Marzano, scomparso a Firenze nel 2010, che la guadagnò sul fronte greco-albanese durante un duro scontro contro forze nemiche; l’Appuntato Francesco Meattini di Cortona (Arezzo) e la Guardia Scelta Lido Gori di Prato, che sacrificarono la loro vita in Montenegro nel 1941 nella difesa della loro caserma assediata da preponderanti forze avversarie; e il Maresciallo Maggiore Vincenzo Giudice, fucilato assieme ad altre 71 persone, tra cui la moglie e i suoi due figli, dalle SS a Bergiola Foscalina, in provincia di Massa Carrara, nonostante si fosse offerto al loro posto.

Mostra GdFCompletano la mostra una serie di documenti inerenti le origini della Guardia di Finanza nel Granducato di Toscana, sotto la reggenza di Leopoldo II d’Asburgo-Lorena, che istituì il Corpo della Real Guardia di Finanza, per contrastare efficacemente il contrabbando delle merci e le trasgressioni alle leggi economiche. Infine, al visitatore viene illustrato, anche grazie a dei pannelli riassuntivi, gli odierni compiti affidati alle Fiamme Gialle, comprese le “specializzazioni” dell’Antiterrorismo Pronto Impiego, i noti “Baschi Verdi”; del comparto aeronavale, che contrasta i traffici illeciti sul territorio e sul mare; del soccorso alpino, a cui sono demandati i compiti del soccorso in montagna e di protezione civile; del servizio cinofilo, con i cani addestrati a fiutare ogni tipo di sostanza stupefacente ed esplodente, anch’essi con compiti di antiterrorismo, anticontrabbando e soccorso alpino. Una mostra che vale la pena sicuramente visitare, per rendere quel doveroso omaggio a chi quotidianamente vigila sulla nostra Italia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...