Tra Cittadella, Dueville e Montecchio: in ricordo dei caduti della Grande Guerra

Fotografie dell’Autore

Cimitero Militare austriaco di CittadellaCapita spesso, nella vita di tutti i giorni, di passare davanti a qualche vecchio monumento dedicato ai caduti delle guerre combattute dall’Italia nel corso della sua storia: dai due conflitti mondiali alle guerre di Spagna e d’Africa, dalla campagna in Albania fino alle guerre risorgimentali dell’Ottocento. Ma in alcuni luoghi del nostro Bel Paese può capitare, nella nostra faccendevolmente Cimitero Militare austriaco di Cittadellaaffaccendata vita di tutti i giorni, tra la scuola, l’università o il lavoro, di non fare caso di passare di fronte a lunghissime file di croci di marmo bianco: e neanche sappiamo dare delle spiegazioni del perché, a Cittadella, un piccolo Comune poco fuori Padova, si trovino sepolti oltre 17.000 caduti dell’esercito austro-ungarico o del perché in altri due centri vicini della provincia di Vicenza, Dueville e Montecchio Precalcino, quasi seicento soldati di Sua Maestà britannica e del Commonwealth. E i ricordi degli abitanti del luogo ormai quasi stanno scomparendo del tutto: solo i più anziani, se la memoria “non gioca brutti scherzi” riescono a dare qualche informazione in più; i più giovani rispondono solo che mai si sognerebbero di recarsi a visitare un cimitero o un sacrario là dove è stato eretto. E allora coloro che giacciono sotto quelle bianche lapidi di marmo rischiano di essere dimenticati dalla memoria dei vivi e le loro storie cadrebbero nell’oblio per diventare oggetto di studio solo degli esperti del settore.

Cimitero inglese di DuevilleAllora ci siamo recati a Cittadella, là dove riposano 17.652 soldati dell’Impero di Vienna, caduti sul fronte italiano nella Prima Guerra Mondiale contro il Regno d’Italia: non sapremo mai quali furono gli ideali o le speranze di quei giovani che vestirono l’uniforme con lo stemma degli Asburgo; molti di loro, probabilmente, neanche sapevano del perché la loro Nazione era in guerra con gli Italiani o i delicati Cimitero inglese di Montecchio Precalcinoequilibri militari e strategici che portarono alla guerra fratricida tra Europei: anzi, magari, come poteva capitare per un esercito poliglotta come quello austro-ungarico, molti parlavano la lingua di Roma e altri ancora, specie chi venne destinato al settore alpino, conosceva personalmente l’avversario sulla cima opposta. Ci fu chi morì per le malattie contratte al fronte, chi per le ferite e chi in prigionia: diverse migliaia dei soldati presenti a Cittadella, infatti, erano prigionieri di guerra catturati dagli Italiani durante le operazioni belliche. Come i soldati di Sua Maestà sepolti a Dueville (134 Caduti) e a Montecchio Precalcino (439 Caduti): essi morirono negli ultimi mesi della guerra, dall’aprile 1918 fino agli inizi del 1919, dopo che avevano esalato l’ultimo respiro presso gli ospedali da campo delle retrovie. In particolare, a Dueville erano stati costituiti due ospedali di smistamento presso le scuole del centro abitato, mentre a Montecchio avevano la loro sede il 9°, il 24° ed il 39° Ospedale di Smistamento.

Stan Sasve, Johann Fabringer, Ferdinand Mober, Jokob Ravaln, Harry North, George Arthur Davis, Frank Watkins, Harry Crossland: assieme ad altre migliaia di loro commilitoni sono caduti sul fronte italiano; alcuni erano nostri alleati, altri nostri avversari. C’è tanto da imparare sulla nostra Storia andando per trincee, sacrari e cimiteri militari: è quello che tentiamo di fare raccontando le loro storie, ricordando il loro sacrificio e recandoci sui luoghi della memoria. Ricordiamoli come è giusto che sia e non solo a margine delle cerimonie ufficiali che a breve fioriranno in tutta Europa per il centenario della Grande Guerra: sono i nostri nonni e bisnonni che sono caduti al fronte e se li dimentichiamo, come amava ricordare Gianmaria Bonaldi, classe 1893, Alpino del Battaglione Edolo, “potrebbero pensare di essere morti invano ed allora si sentirebbero ancora più soli”.

Annunci

One thought on “Tra Cittadella, Dueville e Montecchio: in ricordo dei caduti della Grande Guerra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...