Un Alpino di 20 anni sul fronte della Garfagnana

Umberto LanzettaUmberto Lanzetta ha appena venti anni di età, quando viene mandato sulla Linea Gotica, fronte della Garfagnana, ad opporre l’ultima strenua resistenza alle forze americane in risalita lungo la penisola italiana. Il fronte, dopo la liberazione della città di Firenze, nel mese di agosto 1944, si è fermato, dinnanzi alle ultime posizioni fortificate italo-tedesche, che si snodano dalle Alpi Apuane e la Liguria fino alla costa adriatica in Emilia-Romagna. I combattimenti si fanno sempre più feroci e cruenti, in quella che diventa la battaglia decisiva della Seconda Guerra Mondiale in Italia. Complice anche un rigido inverno, gli Anglo-Americani faticano ad avanzare: anzi, per un breve periodo di tempo, l’iniziativa torna nelle mani dei soldati della Repubblica Sociale e della Wermacht, quando ha inizio l’Operazione Wintergewitter, letteralmente “tempesta d’inverno”, scatenandosi nella Valle del Serchio, tra gli abitati di Gallicano, Vergemoli e Sommocolonia. E tra le Penne Nere della Divisione Alpina Monterosa, una delle grandi quattro unità volute da Mussolini per costituire l’Esercito Nazionale Repubblicano, presta servizio il Caporalmaggiore Umberto Lanzetta, originario di Verbania, dove era nato nel 1924. Viene assegnato al Plotone Ciclisti della Compagnia Comando Reggimentale: un compito tanto delicato, quanto importante. Deve, infatti, riferire gli spostamenti del nemico dal suo punto di osservazione e, ciò, vuol dire esporsi al fuoco nemico, anche quando tutto intorno salta in aria per i bombardamenti dei mortai.

Alpini della MonterosaIl 28 novembre 1944, mentre si trovava in linea a Quota 832, le posizioni tenute dagli Alpini vennero improvvisamente investite dal fuoco dei mortai americani: Umberto, nonostante le esortazioni dei compagni presenti di mettersi al riparo, uscì dalla propria postazione, cercando di localizzare da dove provenisse il fuoco nemico, per meglio indirizzare il fuoco di risposta. E’ in questo frangente, però, che una granata esplode vicinissimo a lui, ferendolo gravemente e asportandogli quasi di netto un braccio. Ricoverato all’ospedale di Berceto, subisce l’amputazione dell’arto ferito, ma l’aggravarsi della cancrena non fa sperare in niente di buono. Poco prima di morire, aveva ricevuto da sua madre una lettera con una preghiera, a cui aveva risposto: “E’ molto bella la tua preghiera. Se veramente tutti sentissero lo spirito di essa, a quest’ora l’Italia sarebbe salva. Ma vedrai che ritornerà libera e grande. Non importa se i nostri sacrifici non saranno riconosciuti e saranno dimenticati o derisi. Quale premio più grande per la nostra coscienza di aver agito per una causa pura, nobile e grande?”. Il Caporalmaggiore Umberto Lanzetta non riuscì più a riprendersi dalla grave menomazione subita; la cancrena avanzava inesorabile, senza che i medici potessero arrestarla. Il 13 gennaio 1945, con il nome di Monterosa sulle labbra, esalò il suo ultimo respiro, tra il dolore e lo sconforto dei camerati presenti. Alla sua memoria, gli è stata conferita la Medaglia di Bronzo al Valor Militare: “Già distintosi in precedenti azioni per decisione e coraggio, di vedetta durante un intenso bombardamento avversario, per meglio osservare i movimenti del nemico davanti alla propria postazione, senza badare al rischio, usciva dalla postazione stessa. Gravemente ferito da un colpo di mortaio, dimostrava in ogni istante e nella successiva amputazione di un arto, stoicismo spartano, serenità e coraggio, di nulla altro rammaricandosi se di non aver dovuto lasciare i propri compagni di linea. Quota 832, Valle del Serchio, 28 novembre 1944”.

Annunci

One thought on “Un Alpino di 20 anni sul fronte della Garfagnana

  1. Pingback: L’Oratorio di San Rocco ai caduti della Divisione Alpina Monterosa | Segreti della storia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...