L’Oratorio di San Rocco ai caduti della Divisione Alpina Monterosa

Sacrario Militare di PallerosoLa piccola frazione di Palleroso, facente parte del comune di Castelnuovo di Garfagnana, tra l’agosto-settembre 1944 e il marzo-aprile 1945 fu sede di osservatori e acquartieramenti della Divisione Alpina Monterosa, una delle quattro grandi unità volute da Benito Mussolini all’indomani della costituzione della Repubblica Sociale Italiana. Abbiamo già raccontato le storie di alcuni di questi valorosi Alpini, come quella del Sottotenente Paolo Carlo Broggi, ucciso da una banda partigiana a Foce di Careggine il 7 novembre 1944 o dell’Alpino Umberto Lanzetta rimasto  vittima di un violento bombardamento americano contro la sua posizione. Oggi raccontiamo di un luogo, che si trova a Palleroso, a ricordo di tutti gli Alpini della Monterosa e di coloro che combatterono aggregati ai reparti delle Penne Nere. All’ingresso del piccolo centro abitato sorge, infatti, la Chiesa di San Rocco, edificata per venerare il Santo che risparmiò il paese dalla violenta peste del 1630. E fu proprio nei pressi dell’edificio religioso che, ad ottobre 1944, prese postazione il Comando del Battaglione Brescia, del 2° Reggimento Alpini.

Sacrario Militare di PallerosoLa guerra non risparmiò gli abitanti di Palleroso: all’inizio, cominciò a cadere qualche sporadica bomba d’aereo, ma quando le forze italo-tedesche tentarono una manovra d’alleggerimento durante il Natale 1944 verso Barga e Gallicano (Operazione Wintergevitter), gli Americani colpirono violentemente tutto il settore della Valle del Serchio, bombardando ripetutamente anche Palleroso. Il nuovo anno 1945 portò altra distruzione: a febbraio, alcune bombe raggiunsero Novicchia, una località vicino Palleroso, uccidendo trenta civili che tentavano di mettersi al riparo all’interno di un cascinale. Fu solo il 18 aprile 1945 che la guerra, almeno per Palleroso, ebbe termine, quando venne raggiunta dalle avanguardie delle forze alleate: adesso, l’unico pensiero era ricostruire il paese e dare una degna sepoltura ai tanti morti. Passarono gli anni e nel 1970, grazie all’interessamento di Don Adelmo Tardelli e dell’Associazione Alpina Monterosa, che riuniva gli ex combattenti della Divisione, all’interno della Chiesa di  San Rocco venne ospitato il Sacrario alla memoria degli Alpini caduti: delle grandi lapidi marmoree, raccolgono così i nomi di oltre 770 soldati , in ordine alfabetico, caduti tra le valli e i monti della Garfagnana. Tra loro, anche gli Alpini di cui abbiamo già raccontato: Paolo Carlo Broggi e Umberto Lanzetta si sono così riuniti, anche se solo simbolicamente, ai loro fratelli in armi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...