Ricordati di un amico, ricordati di Chico

 Chico Mendes“Ricordati di un amico, morto per gli Indios e la foresta, ricordati di Chico” cantavano i Nomadi nel 1991. Chico Mendes, al secolo Francisco Alves Mendes Filho ha legato il suo nome, durante gli Anni Settanta e Ottanta, alla battaglia contro la deforestazione selvaggia della Foresta Amazzonica, opera dei grandi proprietari terrieri, di industriali dell’alta finanza mondiale e dei narcotrafficanti sudamericani. Nato nel 1944 a Xapuri, ha passato buona parte della sua giovinezza nelle piantagioni di caucciù: proprio durante il suo quotidiano lavoro, si avvicina al movimento socialista dei contadini che lottavano per turni meno massacranti, a maggiori rivendicazioni sindacali e per la protezione del polmone verde del Brasile, la Foresta Amazzonica, sempre più minacciata da multinazionali prive di scrupoli, che avevano (e hanno) nei grandi proprietari terrieri e nei latifondisti i loro “scagnozzi”. All’inizio del 1980, assieme ai suoi grandi amici e compagni di lotta José Ibrahim e Luiz Inacio Lula Da Silva, poi futuro Presidente, dava vita al Partido dos Trabalhadores, nuova formazione politica che raccoglie la grande maggioranza dei lavoratori rurali. Ma l’attivismo di Chico Mendes andava ben oltre Xapuri, di cui ne divenne sindaco, oltrepassando gli stessi confini fisici e politici della sua Nazione: nel 1987, guidando una delegazione delle Nazioni Unite, denunciò al mondo intero gli interessi delle grandi compagnie finanziarie americane, che promuovevano un disboscamento selvaggio, causando irrimediabili danni ecologici all’ecosistema, una cronica disoccupazione e perdita di lavoro per i seringueiros, gli estrattori di caucciù, ed un esodo forzato degli Indios della foresta.

Chico Mendes“All’inizio ero convinto di lottare per salvare gli alberi della gomma, poi sapevo di cercare di salvare la Foresta Amazzonica. Ora ho capito che con le mie azioni sto cercando di salvare l’umanità”. Questo amava ripetere Chico Mendes a chi gli chiedeva se aveva paura di possibili ritorsioni da parte dei latifondisti sempre più scontenti della sua politica a favore dei contadini: venne anche incriminato e accusato dell’omicidio di un leader sindacale avversario con prove costruite ad hoc dalla polizia, dopo le pressioni dei ricchi possidenti terrieri. Ma la sua lotta non si sarebbe fermata davanti a nessun ostacolo. Nel 1988, il suo progetto più grande, diventava intanto realtà: la creazione di una riserva estrattiva di caucciù nel latifondo di Cachoeira, tolto alla potente famiglia Alves Da Silva, che l’aveva illegalmente tolta a sua volta a dei contadini. Ma per qualcuno questo era troppo. Il 22 dicembre 1988, mentre stava entrando nella sua abitazione, venne ucciso dagli stessi fratelli Alves Da Silva: condannati a quasi venti anni per omicidio, finita la “mediaticità” di Chico e degli Indios, la sentenza di carcerazione fu annullata nel 1992 e gli assassini rimessi in libertà. E ventisei anni dopo la morte di Chico Mendes, a inizio settembre 2014, Edwin Chota veniva rinvenuto privo di vita nella foresta: anche lui si batteva per la foresta, contro i narcos, che utilizzano le vie fluviali per il trasporto della cocaina per gli imbarchi verso l’Europa, e per gli Indios.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...