I campi di Athenry

AssiPete St. Johneme a Foggy Dew è tra le più conosciute ballate tradizionali irlandesi. In tanti l’hanno suonata, rivisitata e cantata. Dai suoni lenti e dolci dei Dubliners e Paddy Really fino alle chitarre elettriche, alla batteria e ai ritmi più rock dei Dropkick Murphys  e dei CRAFT, fino alla voce femminile di Mairead Carlin. La ballata di cui parliamo è Fields of Athenry, composta e musicata per la prima volta negli Anni Settanta da Pete St. John, cantautore folk irlandese che, dopo essere emigrato in giovane età in Canada, tornò nella sua terra natia dove si mise a comporre musica. Il testo, che racconta di un dialogo tra un uomo ed una donna, è ambientato nel periodo della grande carestia irlandese, che colpì l’isola a cavallo tra il 1845 e il 1846, determinando non solo un impoverimento generale della popolazione ma anche una forte emigrazione oltreoceano: un censimento del 1851, infatti, registrò un calo nella popolazione pari al 20% (recenti e più moderni studi hanno stimato il calo demografico anche fino al 30%).

SONY DSCLa canzone, ambientata ad Athenry, piccolo villaggio della contea di Galway, narra di un detenuto che, dalle sbarre della sua fredda cella, ascolta lo struggente dialogo tra una donna e un uomo, anch’egli detenuto nello stesso carcere. Michael, così si chiama l’uomo, è stato arrestato dalle autorità britanniche perché, proprio a causa della grave carestia che ha colpito l’Irlanda, per amore di sua moglie Mary e di suo figlio, ha rubato del granturco in un campo. Nelle sue stesse parole, Michael, infatti, ha deciso di ribellarsi, sia contro la carestia, sia contro la Corona inglese, che non ha fatto nulla per la popolazione affamata (“Against the famine and the crown, I rebelled, they cut me down”) e proprio per questo è stato fermato, arrestato. Ma il dramma maggiore sarà la separazione: Michael sarà portato lontano dalla sua terra, dalla sua Mary e da suo figlio: una nave-prigione inglese è pronta a portarlo a Botany Bay, la colonia penale dall’altra parte del mondo, in Australia (“As the prison ship sailed out against the sky for she lived in hope and pray, for her love in Botany Bay. It’s so lonely round the fields of Athenry”). Non appena la nave sparisce dietro la linea dell’orizzonte, i campi di Athenry saranno ancora più desolati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...